Anna Lucia Cagnazzi  
  casa-della-cultura-milano      
   
 

“LUDOVICU”: LA VITA DI UN UOMO NON ILLUSTRE NELLE FOTO DI MARIANO SILLETTI




Anna Lucia Cagnazzi


altri contributi:



  cgnazzi-siletti.jpg




 

Ho conosciuto Mariano Silletti casualmente, a una cena tra amici. Il Museo d’Arte Moderna di Matera a Palazzo Lanfranchi aveva ospitato, fino a poco prima, la sua mostra fotografica. In quei giorni quasi non si parlava d’altro in città. L’interesse del pubblico per questo progetto fotografico e per la qualità del lavoro era stato tale che si era provveduto a prorogare la chiusura della mostra. E io, in una casa nei sassi di Matera, una fortunata sera di dicembre, l’ho incontrato.

Insomma, “parlami di questo lavoro” gli dico. Aveva con sé una copia della pubblicazione – una sorta di catalogo – a tiratura limitata. La mia è la numero 088/300. Ludovicu è il titolo fissato a caratteri bianchi, discreti ed eleganti, sul rigido campo nero.

Il volumetto in questione è un oggetto prezioso, bello. Riconosco subito il suo valore e mi assicuro di avere la mani immacolate. Osservo questo perfetto prodotto tipografico. Lo rigiro. Lo maneggio come se avessi tra le mani una cinquecentina. È bello. E come tutte le cose belle, anche delicato. Vuole cura e attenzione.

Mi decido finalmente a voltare la copertina accompagnandola. Me lo ricordo bene. Arriva subito quella pagina bianca che, sola, accoglie il peso di parole sottili. Scompare Ludovicu ed è in dicembre, con un freddo arrivato d’improvviso. Ora tutto rallenta. Come due innamorati che si guardano negli occhi a un sospiro di distanza, scrutandosi bene nelle pupille per cercare l’immagine che c’è oltre. C’eravamo io e lui, Ludovicu. Il chiacchierio degli amici era ormai lontanissimo. Quasi sparito era anche l’autore di quelle immagini. Era presente come racconto. C’era tutto l’immaginario, non c’era più l’oggetto.

Scompare Ludovicu ed è in dicembre, con un freddo arrivato d’improvviso.

Ludovicu è il nome di un uomo di mezza età di origine rumena adottato, insieme alla moglie, dalle terre lucane e scomparso improvvisamente un giorno di un dicembre. È lui il protagonista di questa storia. Una storia che ha visi scavati dalle rughe, da una vita di campagna, di fatiche e preoccupazioni, di povertà. Una storia di immigrazione, una storia dei sud e delle periferie del mondo. Un gruppo di carabinieri è incaricato di seguire le indagini per il ritrovamento dell’uomo. Mariano Silletti, carabiniere di professione, è dichiaratamente il responsabile della documentazione fotografica che accompagna queste ricerche.

L’esplorazione sul territorio che il gruppo di carabinieri deve affrontare per ritrovare l’uomo malato di Alzheimer li porta a scrutarle proprio da vicino queste vite misere. La sofferenza di Veronica, l’anziana moglie. Gli abiti di Ludovicu. Le pareti porose, umide e scrostate. Il pianto disperato di una donna ormai sola che del marito, da un momento all’altro, ha perso ogni traccia.

Le istantanee di Mariano aprono questo percorso che è fatto di sofferenza e speranza non più solo per i familiari e gli amici. Ora ad essere direttamente coinvolte sono anche queste figure in divisa che sentono l’obbligo morale, prima che professionale, di restituire alla donna quegli occhi e quelle mani. Cresce, pagina dopo pagina, l’ansia di ritrovare Ludovicu.

Continua la lettura su GLI STATI GENERALI

 


© RIPRODUZIONE RISERVATA

08 Aprile 2016

 

 

 

 

Gli Stati Generali sono un progetto per integrare l’essenziale del giornalismo professionale di interesse pubblico e la ricchezza del giornalismo partecipativo, espresso dai saperi diffusi nella società ma spesso poco valorizzati dal sistema dei media esistente o dispersi nella rete.

Mission: Creare un sistema informativo neuronale capace di generare informazione tramite l’interazione di giornalisti professionisti, Brains, lettori.